Centro Natura Vallemaggia

Home

Cammina e scopri

La zona golenale tra Moghegno e Lodano

Questa è il primo di una serie di percorsi didattici e naturalistici che stiamo sviluppando sul fondovalle. Un sentiero già esistente ma poco frequentato perché si trova al di fuori della rete di sentieri ufficiali che noi percorriamo partendo dal territorio di Moghegno in zona detta "Pii" fino a Lodano, affiancando lungo tutta la tratta il fiume Maggia, attraversando un bosco misto, entrando nel bosco golenale, scoprendo il greto nudo e la mitica "steppa valmaggese"... accompagnati da ginepri d'orientamento e salici, seguendo le tracce di serpenti d'acqua, salamandre, lepri e caprioli. Le postazioni non sono per il momento indicate sul terreno, bisogna osservare attentamente il percorso e le indicazioni date nelle schede. Gli animatori del Centro Natura Vallemaggia sono naturalmente a vostra disposizione per delle escursioni guidate! Se siete interessati contattateci! Buon divertimento a tutti!

 Prima di partire
 Ricorda che...
 Come raggiungere il sentiero?
 Bibliografia

Scarica la cartina del percorso in golena!

Partiamo !



PRIMA DI PARTIRE

I percorsi che proponiamo sono percorribili tutto l’anno, ma consigliamo caldamente il periodo primaverile-estivo-autunnale con un accento sull’estate; ricordiamo di prestare attenzione ai giorni di pioggia intensa per via dell’innalzamento del fiume e l’ingrossamento dei ruscelli, tenete presente che in queste situazioni i sentieri vengono in parte interrotti! Anche il vento può diventare pericoloso nel bosco, rami ed alberi cadono regolarmente e senza troppi preamboli!
Vi invitiamo naturalmente ad avere il massimo rispetto dell’ambiente nel quale vi troverete!!! Prima di inoltrarvi nel bosco vi consigliamo di svolgere una breve ma fondamentale attività, chiamata appunto “L’entrata nel bosco” che vi aiuterà a sostenere l’importante discorso sul rispetto: vi sentirete quindi “ospiti” di una grande casa, nella quale vi sono delle regole semplici ma fondamentali, nella quale imparerete a comportarvi come fosse casa vostra o di un vostro amico…


RICORDA CHE...

... partire per un escursione implica il rispetto di alcune importanti regole. Noi abbiamo pensato ad alcuni consigli pratici che speriamo possano rendere più piacevole la vostra giornata e che vi permetteranno di approfittare al massimo delle vostre osservazioni!

Abbigliamento

I nostri percorsi sono di facile accesso e adatti a tutti. Consigliamo comunque di percorrerli con un abbigliamento idoneo alla stagione, calzando scarpe adatte alle camminate e a vari tipi di terreno. Vi condurremo infatti lungo sentieri ma vi faremo anche scendere in riva al fiume sulla sabbia o tra i sassi e vi proporremo delle attività da svolgere nel bosco o a contatto con l’acqua.

Materiale e osservazioni

È sempre utile avere con sé del materiale per scrivere e disegnare, un quadernetto e una matita sono in genere sufficenti. Vi permetteranno così di prendere nota di tutte le vostre osservazioni, indicando sempre la data (e l’ora), oltre al luogo nel quale vi trovate e una breve descrizione di quanto osservato, magari accompagnata da uno schizzo illustrativo e dall’indicazione riguardante le foto scattate. Esempi:

“Capela du Punt, 12 luglio 04, mattino presto, 2 cerbiatti verso strada, foto non scattata a tempo”
“14 agosto 04, bosco di tiglio, mezzogiorno, strani bruchi a forma di legnetto mangiano foglie di tiglio, vedi disegno e foto 5,6 e 7”.

Dopo alcune osservazioni, magari in vari momenti dell’anno, rileggerete con piacere le vostre scoperte e potrete rendervi conto dei cambiamenti della vegetazione (da fiori a frutti, cambiamento di colore delle foglie, spuntano fiorellini nel sottobosco,…) ma anche relativi alle abitudini di certi animali (le bisce d’acqua sul greto, il canto degli uccelli, i “gabinetti” di certi animali)… Potrete poi confrontarle anche con quelle fatte da altri.
Altro materiale utile: cannocchiale e macchina fotografica, ma anche dell’acqua, visto che soprattutto in piena estate ci si desidrata facilmente.



COME RAGGIUNGERE IL SENTIERO?

La prima postazione è raggiungibile come segue:
Per chi viene in autobus: scendere alla fermata Maggia, dalla fermata prendere la stradina che scende verso il fiume e attraversare la passerella. In territorio di Moghegno camminare lungo la strada carrozzabile in direzione di Lodano, circa 1 km.
Per chi viene in auto: lasciare l’auto in territorio di Moghegno o di Maggia. Dalla passerella di Moghegno-Maggia seguire la strada carrozzabile in direzione di Lodano lungo circa un km.
Quando vi troverete accanto a un gruppo di stalle e rustici in zona detta "Pii" (sulla destra) prendete il sentiero che scende direttamente davanti al prato recintato.

Consulta orari autobus: Cavergno-Locarno <–>
                                      


BIBLIOGRAFIA

Moghegno – Repertorio toponomastico ticinese - 2004
Studio naturalistico del fondovalle valmaggese. Memorie della STSC Vol III - 1993
Gli anfibi della Svizzera – ASPU, Zurigo - 1997