Centro Natura Vallemaggia

Home

Esperienze

Il valore del fiume Maggia per i Valmaggesi (28-11-2010)
Gita sociale all'alpe Sfille (28-08-2010)
COLONIA DIURNA A BOSCO GURIN (09-08-2010)
2° Giornata della Biodiversità in Valle Bavona (12-06-2010)
Corso di determinazione dei mammiferi della Svizzera (03-10-2009)
Notte in tenda tra luci e ombre (12-06-2009)
FESTA DELLA NATURA (07-06-2009)
Esposizione di funghi (07-10-2006)
Un pomeriggio da pipistrello...ben riuscito! (09-09-2006)
Formiche Bosco Gurin (15-07-2006)
Scoprire le stelle attraverso l’osservazione del sole (01-07-2006)
Voyage sur les traces de la nature au Valmaggia (25-05-2006)
Attività con gli amici della Proinfirmis (20-05-2006)
Corso segaranza (29-04-2006)
Raccolta dei rifiuti sparsi sul territorio (01-04-2006)
Giornata con la 1B di Gordola (27-09-2005)
L'azione 72ore è terminata! Ecco le fotografie (16-09-2005)
Vita lungo il fiume (27-07-2005)
Grigliata al Fiume con i collaboratori del CNVM (14-07-2005)
Pomeriggio di inaugurazione del CNVM (05-06-2005)
Chi vive in golena? (20-05-2005)

Scoprire le stelle attraverso l’osservazione del sole (01-07-2006)
Il primo luglio scorso il Centro Natura Vallemaggia ha promosso a Lodano un'attività d'osservazione del sole, condotta da Gilberto Luvini e Enrico Ruggia dell'associazione Le Pleiadi ( www.lepleiadi.ch). Grazie ad uno speciale strumento dotato di un filtro Coronado H-Alpha è stato possibile vedere il sole come elemento dinamico. Abbiamo osservato una macchia solare e le protuberanze che appaiono sulla corona.

Il sole è un stella molto vicina alla terra. La sua luce ha un'impronta digitale inconfondibile, derivante dai vari elementi che la compongono. Quando se ne osserva lo spettro si possono notare molte linee scure o linee di assorbimento dovute all'azione di filtraggio esercitata sulla luce continua (quella che va dal lontano rosso al violetto) da quegli stessi elementi a diversi livelli della struttura solare. Immaginate la struttura del Sole come gli strati di una cipolla, mentre la luce procede dal suo interno verso lo spazio esterno. Se si utilizzano degli strumenti che permettono di osservare il Sole in una di queste linee, il suo disco verrà osservato solo nella lunghezza d'onda di emissione dell'elemento che le ha prodotte. I filtri Coronado servono proprio a questo scopo. Sebbene vengano fatte osservazioni su quasi tutte le innumerevoli linee dello spettro, ve ne sono alcune che sono più importanti delle altre al fine di osservare i più significativi fenomeni solari. Alla lunghezza d'onda di 656.28 manometri (nm) si ha l'emissione più importante dell'elemento Idrogeno. Poiché questa è stata la prima linea mappata nello spettro solare, gli si è dato il nome di Idrogeno-Alfa (H). Questa linea ci consente di trarre informazioni sulla maggior parte dei fenomeni veramente importanti che avvengono nel sole: le protuberanze, le strutture che circondano le macchie solari (facole), la granularità, i flares, e molte altre. Poiché l'elemento che costituisce in maggior misura il Sole è l'Idrogeno, la più importante di queste righe è proprio quella dell'H-Alpha.

All'attività pratica d'osservazione ha fatto seguito, nella sede del CNVM presso il palazzo comunale di Lodano, un momento più teorico durante il quale si è parlato del sole e della sua importanza per la vita sulla terra.

Ringraziamo tutti i partecipanti e l'associazione Le Pleiadi per averci fatto vedere da vicino il sole!

Scoprire le stelle attraverso l’osservazione del sole Scoprire le stelle attraverso l’osservazione del sole Scoprire le stelle attraverso l’osservazione del sole Scoprire le stelle attraverso l’osservazione del sole Scoprire le stelle attraverso l’osservazione del sole Scoprire le stelle attraverso l’osservazione del sole Scoprire le stelle attraverso l’osservazione del sole Scoprire le stelle attraverso l’osservazione del sole Scoprire le stelle attraverso l’osservazione del sole