Centro Natura Vallemaggia

Home

Recupero della selva castanile a Dunzio

La selva interessata dal progetto di recupero ha una superficie complessiva di 3,5 ha ed è prevalentemente su proprietà del
Patriziato generale delle Terre di Pedemonte e Auressio. All’interno del perimetro del progetto ed in un mosaico diversificato si riscontrano
numerose specie di latifoglie pioniere, numerosi castagni da selva con un buon potenziale
produttivo ed in buona salute, alcuni castagni monumentali, blocchi di pietra, terreni sassosi,
radure, legname morto a terra, muretti a secco e numerosi piccoli manufatti di pietra come
splüi, cantine, piccole stalle, sorgenti e una grà ubicata nei pressi della selva. Dal punto di
vista forestale attualmente il comparto è composto da castagni (50%), betulle (30%), ontani
bianchi (10%), ed alcuni esemplari di tiglio, frassino, pioppo, noce, melo, pero, ciliegio,
nocciolo e ailanto (10%).

Il ripristino di questa selva abbandonata da decenni ed in parte inselvatichita, deve avvenire
al più presto per evitare che il bosco di latifoglie miste si faccia largo in maniera irreversibile,
cancellando definitivamente queste preziose testimonianze di cultura rurale locale.

Grazie all’appoggio di AXA Winterthur, del Fondo Svizzero per il Paesaggio (FSP), dell’Ufficio forestale cantonale e della Fondazione svizzera per la tutela del paesaggio (FP) alla fine del 2008 il Centro natura Vallemaggia ha dato il via a questo interessante progetto di valorizzazione territoriale nel villaggio di Dunzio (Comune di Maggia) che costa circa 400'000.-

Il punto focale dell’iniziativa è costituito dalla cura della popolazione arborea: gli antichi castagni presenti verranno sottoposti, in collaborazione con il Servizio forestale cantonale e con l’accordo del Patriziato generale delle Terre di Pedemonte e Auressio che è proprietario dei fondi coinvolti, a una potatura professionale e si provvederà a piantumare in maniera mirata di nuovi castagni. L’accurato sfoltimento della selva concorrerà a ripristinare il carattere aperto di quest’area garantendo un beneficio anche dal profilo naturalistico (è pure previsto un monitoraggio per seguire l'effetto del recupero sui popolamenti di uccelli presenti nella selva). La gestione agricola della selva verrà garantita da una giovane azienda residente a Dunzio. In passato la trasformazione e il consumo delle castagne presupponevano la disponibilità di essiccatoi («grà») e stalle. Le misure previste nel quadro del progetto contemplano il ripristino e la riparazione anche di questo prezioso patrimonio cultural-architettonico in collaborazione con i proprietari locali che qui ringraziamo.

 



Gli interventi selvicolturali di pulizia della selva, di potatura dei castagni e piantumazione di nuovi
castagni sono attualmente in corso e termineranno nell'inverno 2010. 

 

A completamento del progetto sono previste delle attività didattiche incentrate sul tema della castagna e sul bosco in generale. Un nuovo sentiero didattico condurrà attraverso la selva castanile illustrando vari aspetti della storia, del paesaggio e dello sfruttamento di quest’area. Sono altresì previste escursioni e attività che vedranno coinvolti gli alunni delle scuole della regione.



  

 Alcune immagini della bella giornata trascorsa lo scorso mese di marzo
con due classe di scuola elementare del Centro scolastico dei Ronchini.

I collaboratori della AXA-Winterthur hanno avuto modo di contribuire in modo diretto agli interventi di recupero previsti nella selva di Dunzio. La domenica del18 ottobre 2009 è stata infattiorganizzata una piacevole giornata di volontariato nell'ambito del progetto AXA-Cuori in azione. Da parte del Centro natura ringraziamo sentitamente i volontari che sono intervenuti e gli animatori del CNVM (in modo particolare Delio Bianchi, Alessio Barca, Dario e Stefanie Martinoni, e la Pro Dunzio). Di seguito sono riportate alcune  fotografie della giornata! Alla prossima!


   
   
   

 

 Complemento di informazioni redatto da Stefan Kunz, della Fondazione svizzera per la tutela del paesaggio: scarica qui.

Projektbeschrieb: hier

Chi fosse interessato ai dettagli del progetto può contattarci tramite posta elettronica a info@cnvm.ch oppure scriverci a Centro natura Vallemaggia, 6678 Lodano.

 

 

 

Archivio news